Il nostro ultimo giorno è cominciato all’insegna dell’arte: non poteva di certo mancare la visita alla più grande collezione di opere del pittore olandese più famoso al mondo: Vincent Van Gogh. Situato al numero 7 di Paulus Potterstraat il Van Gogh Museum è composto di due parti interconnesse comprendenti l’edificio principale, progettato da Gerrit Rietveld e aperto nel 1973, e l’ala nuova, progettata dall’architetto Kishō Kurokawa e completata nel 1999. La collezione è allestita in ordine cronologico, partendo dagli inizi di Van Gogh, sottolineando le varie fasi emotive vissute dall’autore, fino alla morte. Sono inoltre presenti moltissime foto, alcuni degli strumenti utilizzati dal pittore e persino alcune lettere. Tra le opere più celebri, è possibile ammirare “I mangiatori di patate”, “La camera di Vincent ad Arles”, “La casa gialla”, “La sedia di Gauguin”, “I girasoli” e “Campo di grano con volo di corvi”.Il costo dei biglietti è di 19€ e consigliamo caldamente di acquistarli in anticipo sul sito ufficiale [info e biglietti]

Amsterdam Lookout.

Per concludere in bellezza, approfittando del sole, che finalmente nel nostro ultimo giorno ha deciso di far capolino siamo saliti al Lookout:la piattaforma panoramica situata all’ultimo piano della Torre A’DAM. Conosciuta anche come la torre di Amsterdam Noord, è veramente difficile non notarla con i suoi 22 piani alle spalle della stazione Centraal. Fu progettata da Arthur Staal e in passato è stata sede della multinazionale petrolifera Shell, oggi invece è sede di uffici e club esclusivi. Sulla sommità dell’edificio si trova l’A’DAM Lookout una grande terrazza panoramica in cui è possibile godere di una vista a 360° sulla città. La cosa che più ci ha incuriositi però è sicuramente la “Over the Edge” l’altalena più alta d’Europa situata sulla sommità dell’edificio e che permette di dondolare a 100 m di altezza. Un’esperienza adrenalinica che non volevamo perderci ma a cui purtroppo abbiamo dovuto rinunciare a causa della lunghissima fila alla biglietteria.

Nonostante questo la visita ne è valsa davvero la pena, con le giornate limpide è possibile

Quest’ultima si trova all’ultimo piano della torre A’DAM; è possibile accedervi con un ascensore di vetro ultramoderno e velocissimo che con i suoi giochi psichedelici di luci è già di per sé un’attrazione.

Sulla cima è possibile avere una vista su Amsterdam straordinaria, tutto alla portata degli occhi, anche grazie a dei binocoli: il centro storico, il porto, i canali e il fiume IJ sono ai vostri piedi!

Da visitare di giorno, ma è senza dubbio al tramonto che questo posto offre lo spettacolo migliore.!

A’DAM è lo skybar e ristorante panoramico della A’dam Lookout. Qui è possibile sorseggiare un aperitivo oppure cenare ammirando Amsterdam a 360 gradi dalla grande vetrata del locale.

Infine, intorno alle 18:00, a malincuore abbiamo ripreso tutti i nostri bagagli e ci siamo incamminati per avere il tempo di farci un’ultimissima foto tutti insieme davanti alla scritta “I amsterdam” dell’aeroporto di Schipol.