Poco prima di Natale, stanche dal lavoro e dagli esami, noi ragazze degli Esuli abbiamo capito di aver bisogno di una pausa.. una giornata alla spa non era certo sufficiente per rinvigorirci. Con 5 giorni a disposizione, senza neanche renderci conto siamo finite sul sito di Ryanair e mezz’ora dopo stavamo confermando 4 biglietti per la meravigliosa Parigi. E’ stato inaspettato, non avevamo tempo da perdere e abbiamo iniziato subito a fare qualche ricerca visto che, tranne Alice, era per tutte noi la prima volta nella capitale francese.

Il nostro volo da Pisa, in tarda mattinata ci ha permesso di arrivare all’aeroporto di Beauvais all’ora di pranzo accolte da una forte nebbia. Per il transfert aeroporto-centro città non siamo ricorse a nessuna prenotazione. Abbiamo semplicemente fatto i biglietti direttamente a Beauvais (32 € a/r)e dopo 1 ora e 20 minuti di autobus siamo arrivate alla stazione di Port Maillot. Arrivate in centro ci siamo subito occupate della “questione metro” e dopo aver controllato le varie tariffe abbiamo optato per l’abbonamento “Paris visite” che ci ha permesso di utilizzare tutti i mezzi pubblici (metro rer e bus) illimitatamente.

PARIS VISITE 1-3= 1 GIORNO 12€/ 2 GIORNI 19.50€/ 3 GIORNI 26.65€/ 5 GIORNI 38,50€

Per l’alloggio, abbiamo scelto un grazioso appartamento nel cuore di Saint Denis, un quartiere frizzante e multietnico ricco di negozi e ristoranti. Accogliente e molto fornito ila nostra casa è stata la “base” perfetta per il nostro viaggio. A metà strada tra la stazione di Saint Denis e la Gare d’Est, vicino alla fermata di Chateu d’Eu, ci ha decisamente semplificato il viaggio data la strategica posizione. Dopo aver lasciato le valigie ed esserci rinfrescate un po’ siamo subito ripartite e senza perdere tempo ci siamo dirette verso il Louvre.

A seguito delle nostre ricerche “pre-partenza” abbiamo piacevolmente scoperto che, anche se è conosciuta come una città piuttosto costosa, Parigi ha decisamente un occhio di riguardo per gli studenti e i giovani, dato che quasi tutti i musei e le mostre sono gratuite per chi ha meno di 26 anni. Non fa di certo eccezione uno dei musei più famosi del mondo: il Louvre.

Louvre

Oltre 380mila opere esposte in circa 60000m quadri di corridoi, sale e scalinate. Un vero e proprio labirinto. Abbiamo approfittato dell’apertura serale, essendo venerdì, (anche il mercoledì) e ci siamo dirette all’entrata. Per fortuna non abbiamo trovato fila così abbiamo scelto di entrare direttamente dalla famosa Piramide di Vetro (in caso di lunghe code vi consigliamo però l’entrata da: “le Galerie di Carrousel”, “l’entrata Richelieu” se avete la carta dei musei, o “la porta dei leoni” che spesso può essere chiusa). Dopo il controllo borse ci siamo quindi ritrovate nella bellissima Hall Napoleon, proprio sotto la Piramide. Emozionate e felicissime abbiamo abbandonato le nostre pesanti giacche nel guardaroba (gratuito) e ci siamo dirette all’entrata della mostra.

Dopo aver mostrato la carta d’identità (essendo tutte al di sotto dei 26 anni non abbiamo avuto bisogno del biglietto) agli addetti del controllo ticket e siamo entrati nell’ala Denon. L’arte greca, i gioielli, Veronese, Mantegna, L’incoronazione di Napoleone e ovviamente la Gioconda. Il Codice di Hammurabi, Amore e Psiche e i Prigioni. Abbiamo passato quasi 4 ore immerse nell’arte. Prima di partire ci siamo un po’ documentate riguardo la struttura del museo e la posizione delle varie opere per non perdere quelle che ci interessavano di più , ma nonostante il nostro [Tour del Louvre Esuli] abbiamo più volte deviato il percorso e finendo per perderci tra scale e corridoi. Con i piedi in fiamme e lo stomaco che protestava (senza rendercene conto tra gli spostamenti e il museo non abbiamo pranzato ed era ormai ora di cena!) siamo uscite dal Louvre accolte da un freddo pungente e le luci di Natale. Parigi è magica, ma indubbiamente nel periodo di Natale è qualcosa di indescrivibile.

Passeggiando un po’ per le strade dell I Arrondissement, abbiamo trovato un chiosco di hotdog e con la nostra cena a portar via ci siamo dirette verso la Tour Eiffel. Il simbolo più famoso e fotografato di Francia, magna, illuminata e quasi surreale tanto perfetta. Lo sfondo migliore per la nostra prima cena franacese. Vi consigliamo un giro notturno nei viali intorno alla torre, è veramente stupendo e assolutamente romantico. La pioggia ci ha sorpreso proprio durante la passeggiata quindi stanche e infreddolite siamo tornate verso casa.

Il nostro viaggio continua.. Giorno 2